Lettera di una bambina addormentata nei silenzi.


Non inizierò questo scritto con i soliti incipit che scadono nella banalità..Sono state fatte delle domande insistenti ad una bambina troppo insicura che non sa e non può rispondere..Lo farà una donna al posto suo..perché in me c’é anche una donna abbastanza forte da riuscire a tenersi in piedi da sola..Tutto ciò sarà diretto ad un destinatario ben preciso..colui che dice di fare di tutto per me,colui che dice di essere cambiato per me..tutto questo é vero,mi sta bene,ne sono felice,non voglio di più..e non potrei chiedere di più,perché ora come ora,non saprei cosa chiedere..Forse potrei dire che é fastidioso dover chiedere sempre,o meglio ancora fornire un libretto dettagliato su come farmi funzionare senza far sprofondare nessuno nei controsensi e nei tira-e-molla…”Camilla,istru zioni per l’uso”..potrebbe andare forse..ops..sto usando il sarcasmo e il mio interlocutore odia questo modo di fare,lo manda in bestia..ma io sono così,che ci posso fare..Va bene,ci provo… Ok..allora..io non pretendo niente..non voglio regali,non voglio pensierini gentili,nulla di nulla…perché da troppo tempo ho scoperto che pretendere é sbagliato perché allontana le persone e tutti ti additano come pazza schizzata,PERò,e ribadisco PERò,se proprio qualcuno vuole,mi piacerebbe avere chi si prenda cura di me,che non rimandi a mia cugina,o mio padre o mio nonno prima di offrirsi volontario per soddisfare i miei ridicoli desideri o le mie piccole richieste..E ora come ora,se devo essere sincerissima,voglio essere lasciata in pace..senza richieste di “cosa ho,cosa non ho”..é tanto impossibile capire cosa ho??Cosa ho fatto ieri???Mi sento svuotata,ecco un’altra bella dose di verità,mi sento un po’ addormentata,anestetizzata..no n é bello sbattersi da un posto all’altro da gente che vuole darti per forza consigli,quando nemmeno tu sai cosa vuoi..L’unica cosa di cui ho bisogno é dimenticare perdonandomi..e non lo posso di certo fare se c’è chi non fà altro che studiare ogni mia mossa e ogni mia richiesta..Sì,è vero,sono strana..ma il punto é che sono così strana solo con te,caro il mio interlocutore..non mi era mai successo prima..Come noterai non sono così affranta dopo le cose che mi hai detto,non sono scoppiata in lacrime dicendo che sono incapace di amare e non ho fatto altre stronzate del genere..Penso solo che ho con me un povero martire,che pensa sempre prima ai miei voleri che ai suoi..non voglio essere ironica..vorrei solo sapere ciò che vuoi tu da me e capire cosa io posso essere in grado di darti..Il nostro problema é che non sappiamo dialogare..perché io ho paura di pretendere troppo e perché tu hai paura di farmi arrabbiare..quanto la odio questa cosa..me la ripetono sempre tutti “sei una che si arrabbia sempre troppo facilmente,sei nervosa..”..come se fossi un’irosa pronta a saltar su per qualsiasi cosa..é vero sono permalosa,e anche tanto..ma dall’altra parte credo proprio di aver trovato pane per i miei denti in una persona che quando si sente ferita attacca immediatamente e restituisce più di quanto abbia ricevuto..Mi sento strana..arrabbiata e triste..serena e inquieta..ma non é colpa tua,tu non c’entri niente..mi sto solo accorgendo di aver cambiato totalmente vita da quel 16 giugno,e non solo per quanto ci riguarda..devo solo capire se in meglio o se c’é qualcosa che sarebbe bene rivedere…

Lettera di una bambina addormentata nei silenzi.ultima modifica: 2004-03-24T16:20:45+01:00da milla188
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “Lettera di una bambina addormentata nei silenzi.

  1. ciao milla, è strano il fatto che se da un lato sul blog si urla ogni più piccolo e intimo dispiacere personale, dall’altro ci scansiamo da domande che riguardano la nostra identità… ci scansiamo quasi come ne avessimo paura… io cmq devo ammettere in un primo momento ti immaginavo come una ragazza, magari una studentessa liceale, non so perchè, ma mi piaceva immaginarti tutta indaffarata tra interrogazioni e compiti in classe. Negli ultimi post però mi sembra di aver capito che i tuoi problemi non sono quelli di una sedicenne alle prese col suo primo amore, ma di una donna molto più di donna di quanto immaginavo. Vediamo un pò… mi butto… hai 27anni. ps: ora però non farmi rimanere però col dubbio. ciao picciri82

  2. lo sapevo, ho fatto una figuraccia… ma ero sicuro che avevi più di 20 anni… cmq credo non si debba mai aver paura di quello che si ha, non so se a volte sia giusto il detto che dice che bisogna guardare chi sta peggio di noi, fatto sta che si può uscire anche dalle situazioni più complicate. Non perdere mai le forze. ps: per qualunque cosa conta pure su di me. picciri

  3. ..all’improvvi so un’immagine ..un vuoto da riempire (..ancora!??!.. . con tutto quello che c’era sulla tavola in sti giorni?!).. è un po’ che nn passo di qui e mi dispiace acorgemene solo ora e da un po’ che nn ho piu’ notizie di te e questo mi spiace ancor di piu’… pensavo che leggere di te sarebbe stata la mia sorpresa di pasqua…. pazienza ..ma ho fatto incetta di uova…prima o poi ti trovo 🙂 un saluto..tanti auguri …in ritardo as usual… ti abbraccio m.p.

Lascia un commento